venerdì, ottobre 12, 2012

C'é chi dice si!

Prendo a prestito il titolo e refrain della canzone di Vasco per dedicare questo post alle ultime notizie che ho letto sui giornali italiani questi giorni. Notizie dedicate ai giovani neolaureati o veterotali che soffrono le pene dell'I(T)nferno sul luogo del lavoro.

Io penso che..

C'è chi dice si! allo stage non retribuito ma che "almeno posso metterlo nel CV" anche se in fondo giá sai che non servirá a nulla.
C'è chi dice si! al lavoro nero perché "altrimenti non lavoro".
C'è chi dice si! ad un lavoro che va avanti da anni a contratti di 3 mesi a 3 mesi, perché "forse un giorno sarò anche io un temp. ind."
C'è chi dice si! a lavorare sabato e domenica che se "pretendo i miei diritti mi cacciano".
C'è chi dice si! a rimanere dove sono perché "non sai quanta fatica mi é costata avere questo posto, anche se non ti nascondo che soffro tantissimo a rimanere qui."
C'è chi dice si! ad una classe dirigente inetta ed orba che pensa al proprio orticello mentre intorno si avvicina uno tzunami di liquame maleodorante.
C'è chi dice si! allo sfruttamento sul lavoro con straordinari non pagati, ferie non pagate e un contratto a 40 ore a settimana quando tu ne fai solitamente 100.

Perché leggo, ho letto, continuo a leggere di tanti miei connazionali che vivono in Italia e raccontano le loro storie di denigrazione pura sul lavoro...ma nessuno pensa che forse in parte la causa di questi malumori é che c'è sempre chi dice si!

2 commenti:

Giupy ha detto...

Ciao!! Ho appena scoperto il tuo blog e me lo sto leggiucchiando.. cosi' vivi a Bxl? Ci ho vissuto con gioia per due anni, e con gioia ne sono fuggita XD. I belgi mi mancano, ma la maggior parte del tempo anche no...

In bocca al lupo qualsiasi cosa tu faccia! :)

Giulia

Alessandro Gugino ha detto...

Ciao Giupy, sí da pochi mesi ci siamo trasferiti a Bxl dopo aver vissuto svariati anni in Germania e...ma non ti racconto altro...il resto lo puoi leggere nel blog!

Crepi il lupo e a presto ;-)

Ale