lunedì, novembre 28, 2005

Tutta un'altra storia!!


Nuovo viaggio di ritorno da Latina alla volta di Torino...

...i treni queste macchine meravigliose, al punto che nel fantastico (per noi amici pietra miliare della cinematografia italiana!!) "Non ci resta che piangere" si inserisce come improbabile scoperta di un Leonardo finanziatore al 33% insieme a Roberto Benigni e al rimpianto Massimo Troisi.
Sembra però che dalla scoperta di Leonardo, (per dir la verità l'inventore della Locomotiva fu il pioniere dell'ingegneria moderna George Stephenson), a tutt'oggi questo mezzo di locomozione sia stato trascurato dalla tecnologia che invece ha spinto sopratutto nel settore automotive.
Questo però non può essere una scusante per quello che tutti conoscono come il disagio dei pendolari ferroviari.

Saltando critiche più o meno note a tutti, l'ultima sfida delle Ferrovie Italiane si svolge sulla tratta Lione - Torino.

TAV è il treno ad alta velocità in fase di sviluppo nella realizzazione della linea ferroviaria che passerà per la Val di Susa, creando un pesante impatto ambientale primo punto su cui si battono gli abitanti Val Susini.

Tav, i numeri di un’opera insensata Una spesa prevista di oltre 15 miliardi di euro, mentre sulla Torino-Lione viaggiano solo 7 coppie di treni passeggeri al giorno e il trasporto merci è al 25% della sua capacità. Legambiente denuncia: «E anche i metodi lasciano basiti»


Per capire a fondo il problema sia ambientale che di spreco dei fondi sul trasporto pubblico rimando ai vari siti NO - TAV:

No TAV di Ecoambiente
NO TAV
NO TAV by Wikipedia

Ora, mi chiedo: Quale mente può aver pensato di promuovere una campagna pubblicitaria quale quella che va da poche settimane in onda, se da un lato un'intera cittadinanza è scesa in strada affrontando le forze dell'ordine pur di salvare la propria terra, i campi che hanno dato hai loro antenati le risorse per superare anni di crisi economica?

Mi sembra di rivedermi in Neri Marcorè correre con la borsa a tracolla che sballottola destra e manca mentre tutto trafilato, scartando come novello Ronaldinho tutte le persone che mi trovo davanti, corro per i corridoi di Roma Termini alla volta del Binario 13 per prendere il treno che mi porterà a casa dopo una giornata all'Uni.
E a dispetto del finale della pubblicità, il treno c'è...è lì che magicamente mi aspetta...sembra un sogno........poi alzo lo sguardo e vedo sul cartellone che partirà con 30 minuti di ritardo!!!!

LETTERINA DI NATALE

Care Ferrovie Italiane, quest'anno avete voluto spingervi oltre e ironizzare su quello che ormai è diventata consuetudine.
Ormai i treni viaggiano con a bordo passeggeri indesiderati (vedi le zeccche e i pidocchi che non pagano neanche il biglietto), sono vecchi e vecchia è tutta la rete ferroviaria, non sarebbe giunto il momento di aggiornare il tutto?
Care Ferrovie Italiane, il regalo sotto l'albero di un nuovissimo treno superveloce che servirà ai pochi che soffrendo di mal di aereo pagheranno l'equivalente di un volo aereo per arrivare a Torino, non lo voglio prefersico giocare con i treni LIMA almeno quelli arrivano sempre puntuali!!

Care Babbo Natale ti prego fai si che si arrivi presto alla privatizzazione delle Ferrovie e che l'arrivo di capitali esteri possa essere alla base della competizione del nuovo sistema ferroviario, così almeno se dovrò pagare le CARE Ferrovie sarò almeno sicuro di arrivare in orario e senza dover fare una visita tricologica!!!!


Finale con gustose chicche dei Pendolari sugli spot in questione:

Spot 1

Spot 2

1 commento:

DaNIELA ha detto...

e' sempre il solito... sempre piu' polemico...
tutti i torti non ce l'hai..ma questa e' l'italia (da scrivere con la lettera minuscola)...
ma se ti assicuri di controllare il biglietto,di avere una Sossy vicino ate e vedrai che il viaggio SARA'MOLTO PIU'CONFORTEVOLE!!!!